Che cos’è e quando si usa?

Lo sbiancamento dentale interno è una delle procedure meno conosciute. Viene utilizzato per i denti che sono stati devitalizzati (rimozione del nervo) e di conseguenza hanno perso colore.

Leggi di più sullo sbiancamento dei denti interni e su come funziona in seguito.

Perché alcuni denti sono devitalizzati (trattamento canalare)?

La rimozione del nervo (devitalizzazione) del dente è necessaria solo in casi estremi, quando, ad esempio, il dente non è nella posizione corretta, quando è installata una corona o un ponte e deve essere macinato fino alla polpa. In questi casi, si consiglia di rimuovere il nervo dal dente per non causare gravi problemi in seguito.

A volte un dente necessita di un trattamento canalare. Questo accade se si è sviluppata la parodontite e, di conseguenza, la gengiva non ricopre più il collo del dente. È possibile che il nervo del dente muoia da solo dopo la lesione, come spesso accade durante l’infanzia dopo una caduta.

Cosa si fa prima della procedura di sbiancamento dei denti interni?

Prima dello sbiancamento dei denti interni, facciamo una diagnosi e poi prepariamo il dente per lo sbiancamento. Durante la diagnostica, eseguiamo un esame dettagliato, discutiamo delle abitudini del paziente ed eseguiamo una radiografia del dente devitalizzato. Durante la preparazione vengono rimosse tracce di carie o otturazioni di scarsa qualità (se presenti).

Che cos’è lo sbiancamento dentale interno?

Lo sbiancamento dei denti interni è lo sbiancamento dei denti devitalizzati, cioè i denti che non sono vitali o sono trattati alla radice. Qualche tempo dopo la rimozione del nervo, il dente cambia colore. Lo sbiancamento dentale interno ripristina il colore precedente, che contribuisce a migliorare l’estetica del sorriso.

Durante lo sbiancamento dentale interno, si rimuove una parte dell’otturazione e parte dell’otturazione radicolare del dente. Un gel sbiancante viene quindi inserito nella cavità per aiutare a sbiancare il dente. Dopo aver inserito il gel sbiancante, costruiamo una nuova otturazione temporanea per circa una settimana.

La procedura di sbiancamento dentale interno dura 15-20 minuti. Per una maggiore efficacia, si consiglia di ripetere il trattamento altre due o tre volte fino ad ottenere l’effetto desiderato.

Lo sbiancamento dei denti interni è doloroso?

Lo sbiancamento dentale interno è una procedura indolore e innocua. Non può danneggiare i denti, le gengive o la salute del paziente. Tuttavia, lo sbiancamento dei denti interni non può essere eseguito in presenza di carie (carie). Pertanto, prima di iniziare la procedura, bisogna eseguire una diagnostica e la preparazione del dente.

Come preservare a lungo termine i risultati dello sbiancamento dentale interno?

Per mantenere il risultato dello sbiancamento dentale interno è importante mantenere una buona igiene orale. Ciò include lavarsi i denti due volte al giorno con uno spazzolino morbido e usare il filo interdentale. Alcuni cibi e bevande come caffè, vino, barbabietola rossa, mirtilli e altri possono macchiare i denti. Anche il fumo può macchiarli.

Se hai bisogno di uno sbiancamento interno dei denti, contattaci e ti aiuteremo a ripristinare il candore del tuo sorriso!

TUTTI I SERVIZI

No comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.